Schiena bloccata: cause e rimedi

Ne parla l'esperto Orazio Stracuzzi

Spesso sentiamo parlare di “schiena bloccata” ma cosa si intende con questa espressione? Scopriamo assieme all’osteopata Orazio Stracuzzi di che cosa si tratta, quali sono le sue cause e quali rimedi adottare per stare meglio.

Perché la schiena si blocca?

Quando si sente parlare di schiena bloccata viene subito in mente il “colpo della strega”, ovvero una lombalgia acuta causata da una contrazione persistente e dolorosa dei muscoli paravertebrali. Può durare ore o giorni e nella maggior parte dei casi ha una risoluzione spontanea, che si ottiene con il riposo e alcuni accorgimenti, come assecondare le posizioni del corpo che non provocano dolore (posizioni antalgiche).
Nella maggior parte dei casi questi episodi sono associati ad una schiena “sedentaria” non abituata ad allungarsi, stirarsi e muoversi. La contrazione permette quindi al corpo di proteggersi da movimenti per lui eccessivamente bruschi o troppo ampi.

Altre volte si ha la sensazione di avere la schiena cronicamente bloccata, per esempio quando i primi movimenti del mattino risultano fastidiosi e difficili. Questa rigidità può essere associata ad una degenerazione articolare progressiva, chiamata artrosi, in cui la componente cartilaginea delle articolazioni viene gradualmente sostituita da quella ossea.
Le cause possono essere, oltre all’avanzare dell’età, l’eccessivo carico che l’articolazione deve sostenere e, anche in questo caso, la scarsa mobilità.

Oltre a queste situazioni più conosciute, le patologie che possono contribuire all’insorgenza del dolore o della limitazione di movimento sono molteplici.

Come intervenire in caso di schiena bloccata?

È importante affidarsi ad un esperto che indaghi la storia clinica del paziente e che sappia condurre un’attenta valutazione della presentazione e dell’insorgenza del sintomo. L’osteopatia aiuta ad eliminare il dolore ma, soprattutto, agisce sulla prevenzione.
Spesso le cause della scarsa mobilità o di atteggiamenti disfunzionali della colonna si trovano in aree del corpo lontana da quella in cui si presenta il dolore. Per esempio, un blocco lombare può associarsi ad esiti cicatriziali di operazioni addominali (ad es. parto cesareo), disturbi viscerali cronici (coliti, cistiti, etc…), alterazioni diaframmatiche o pelviche.
L’osteopata è formato per trovare e trattare questi collegamenti.
Il trattamento osteopatico può essere supportato da integrazioni fitoterapiche che rilassano la muscolatura, favoriscono la fisiologia articolare, regolarizzano l’intestino e riducono le infiammazioni croniche.

Bibliografia:

  • John C. Licciardone, Cathleen M. Kearns, Dennis E. Minotti, Outcomes of osteopathic manual treatment for chronic low back pain according to baseline pain severity: Results from the OSTEOPATHIC Trial, Manual Therapy, Volume 18, Issue 6, 2013
  • Allegri M, Montella S, Salici F, et al. Mechanisms of low back pain: a guide for diagnosis and therapy. F1000Res. 2016;5:F1000 Faculty Rev-1530. Published 2016 Jun 28
  • National Institute for Health and Care Excellence (UK). Spondyloarthritis in over 16s: diagnosis and management. London: National Institute for Health and Care Excellence (UK); 2017 Feb.

Orazio Stracuzzi
Osteopata D.O. B.Sc.Ost. Membro del Registro degli Osteopati d’Italia.
Riceve ai seguenti indirizzi previo appuntamento:
Via Arbe 78, Milano
Centro Medico Monterosa in via Monte Rosa 3, Milano
Via Boccaccio 4, Nerviano

Telefono: 345-6537251
Email: oraziostracuzzi@gmail.com

Se vuoi un prodotto per la fisiologica funzionalità articolare guarda Artiglio del diavolo. Per i dolori articolari e le infiammazioni Artoben. Scopri anche le creme lenitive, Artoben cremagel e Artoben cremagel capsico ad effetto riscaldante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.